News

Giovedì, 08 Marzo 2018
Mitigazione rischi impianti FV, Moroni & Partners ha siglato un accordo con DuPont
Image

Moroni & Partners ha annunciato di aver stipulato un accordo di collaborazione con DuPont. Le due realtà  collaboreranno in merito all'analisi delle prestazioni di impianti fotovoltaici con l'obiettivo di definire  nel dettaglio i rischi tecnici e finanziari relativi alle principali difettosità che interessano i moduli fotovoltaici in campo, con particolare attenzione alle problematiche relative al backsheet. La collaborazione mira inoltre a perfezionare le strategie di mitigazione del rischio e le misure di prevenzione sia sugli impianti esistenti che sui nuovi progetti in fase di sviluppo, comprese raccomandazioni sulla scelta dei moduli fotovoltaici in funzione delle specifiche applicazioni e dell’ambiente climatico di installazione. DuPont fornirà le sue competenze sulle scienze dei materiali per correlare determinati fenomeni di degrado e i diversi materiali utilizzati dai produttori di pannelli.


Mauro Moroni, Amministratore Delegato di Moroni & Partners, ha dichiarato: "La nostra vasta esperienza nell'individuare e risolvere i problemi degli impianti fotovoltaici attraverso verifiche tecnico/strumentali specialistiche e il profondo know-how di DuPont nella chimica dei materiali consentirà un'analisi a 360 gradi dei rischi finanziari legati ai problemi che affliggono i moduli fotovoltaici e ci aiuteranno anche ad applicare i preziosi dati raccolti in aree quali finanza di progetto, M&A e le scelte tecnologiche relative ai nuovi impianti ".


"DuPont accoglie con favore la collaborazione con Moroni & Partners", ha affermato Stephan Padlewski, responsabile marketing area EMEA di DuPont Photovoltaic Solutions. "Collaborando con un leader riconosciuto nei servizi di consulenza tecnica in Italia, possiamo migliorare la nostra conoscenza in merito all’effettivo comportamento in campo dei moduli realizzati con diversi materiali e fornire consigli per la mitigazione del rischio laddove vengono rilevati segnali di degrado prematuro dei materiali e/o perdite di potenza, che potrebbero pregiudicare la redditività degli investimenti."